casa serena

Riceviamo e pubblichiamo la nota stampa dei sindacati sulla situazione alla Casa Serena di Sanremo.

“È iniziato il nuovo anno eppure la situazione a Casa Serena non sembra essere migliorata nonostante le ultime notizie parlino di una situazione del tutto sotto controllo, il personale e i parenti che rappresentiamo in questi giorni ci riferiscono invece di un netto peggioramento delle condizioni lavorative del personale e dell’assistenza all’utenza che non risponde alle reali esigenze degli ospiti.

Dalle informazione pervenuteci risulterebbe la mancanza di materiali come ad esempio detersivi che dovrebbero garantire un’adeguata sanificazione degli ambienti oltre che della biancheria, la totale assenza  di protocolli per quei soggetti affetti da patologie che necessiterebbero di isolamento (scabbia, clostridium, covid..) e che invece  vengono inseriti in comunità in contatto con altri soggetti fragili, sembrerebbe inoltre che siano incrementate le lesioni da pressione.

Tale situazione sarebbe aggravata dalla carenza di personale che risulterebbe impossibilitato a svolgere le proprie mansioni, senza il minimo rispetto dell’inquadramento professionale di ciascun lavoratore, ci chiediamo pertanto come UIL FPL e FP CGIL se all’interno di questa struttura siano state introdotte figure professionali di coordinamento/caposala in possesso dei requisiti specifici per svolgere tale ruolo e se dai controlli effettuati siano emerse le criticità a noi evidenziate .

I lavoratori sottolineano l’impossibilità di confrontarsi con una direzione che non sembrerebbe  interessarsi alle  problematiche da loro evidenziate. I dipendenti da noi rappresentati ci riferiscono di non sentirsi tutelati come lavoratori, risulterebbero infatti una serie di licenziamenti (ameno 5 nel breve periodo di gestione Euroassistance) con subdoli pretesti o con giustificato esubero di personale mai realmente verificato e, soprattutto, non ci risulta tale problematica condivisa con le OO.SS., almeno per quanto riguarda quelle firmatarie del contratto applicato. Il dato preoccupante è la precarietà lavorativa che si sta creando in una realtà che oggi risente drammaticamente della carenza di figure professionali fondamentali a garantire adeguati livelli assistenziali.

Come OO.SS. Vorremmo comprendere per quanto tempo ancora dovremo sopportare una situazione che riteniamo preoccupante e pericolosa in un momento soprattutto così delicato che non vede nessuna azione di tutela da parte degli organi di controllo preposti.

Nel difficile momento che stiamo vivendo del riacutizzarsi della pandemia riteniamo fondamentale non abbassare la guardia, chiediamo pertanto che venga intensificato il monitoraggio di tutte le strutture che ospitano soggetti troppi fragili per essere dimenticati, che hanno già subito molte perdite nella prima ondata del Covid, affinchè si possa verificare da chi a ciò è preposto l’applicazione di tutti i protocolli necessari e previsti”.

Articolo precedenteIl resoconto della seduta odierna del Consiglio Regionale
Articolo successivoTorna ‘Sa(n)remo Lettori” con Hafez Haidar