carcere sanremo

“Altro giorno altra criticità nell’istituto di Sanremo – annuncia il SAPPe della Liguria. – Non sono passate che poche ore dall’ultimo evento quando è riesplosa nuovamente la follia tra i detenuti di Sanremo. Questa volta a segnare la cronaca nera dell’istituto è un altro tentativo di suicidio, il secondo dall’inizio dell’anno, sventato grazie alla prontezza del poliziotto di turno, al quale va la riconoscenza per l’aver salvato una vita umana. Un detenuto nord africano, per motivi al vaglio della Polizia Penitenziaria, si è stretto un fortuito cappio al collo. L’agente di servizio è riuscito ad intercettare il detenuto slegandolo dal cappio e con l’intervento sanitario interno è stato stabilizzato e trasportato presso l’ospedale di Imperia. Dopo le prime cure ed un periodo di osservazione, ha fatto rientro in istituto. Nel frattempo apprendiamo con doveroso rispetto la notizia del decesso del giovane detenuto marocchino che il 18 dicembre scorso si era procurato delle ustioni a causa di un incendio da lui stesso appiccato nella sua cella, tanto da dover essere trasportato in elicottero presso l’ospedale Villa Scassi di Genova”.

Continua il segretario regionale del SAPPe, Michele Lorenzo: “Ormai Sanremo deve essere commissariata, non c’è tempo di tentennamenti, bisogna che venga inviata un’ispezione ministeriale per comprendere le motivazioni di tanta violenza. Segnaliamo altri episodi di risse tra detenuti, troppi, segnaliamo altri tentativi di aggressione al personale, troppi. Personale ridotto ai minimi termini e costretto a lunghi turni di servizio, anche 12 ore al giorno in reparti dove un solo agente, senza alcuna protezione per la sua incolumità, deve controllare più di 20 detenuti liberi di girare sul piano”.

“È indispensabile riproporre l’apertura di un tavolo di confronto con il Prefetto, Procuratore e dell’A.S.L. per valutare le modalità correttive necessarie per il carcere di Sanremo – apostrofa Lorenzo. – Il SAPPe si appella a tutte le componenti politiche della Liguria. Mi auguro che i parlamentari della Liguria accolgono il nostro appello predisponendo un’interrogazione parlamentare alla Ministra Marta Cartabia sullo stato delle carceri liguri, sull’impiego della Polizia Penitenziaria di Sanremo, sulla necessità di edificare l’istituto di Savona chiuso dal 2015, sul potenziamento dei reparti di Polizia Penitenziaria e l’indispensabile l’apertura della REMS di Calice al Cornoviglio La Spezia, costata più di 4 milioni di euro, ultimata nel 2019 ma non ancora disponibile. Lo stato di deturpazione della sicurezza ed incolumità penitenziaria, non può passare inosservato”, conclude.

Articolo precedenteIl vicepresidente regionale Piana traccia un bilancio del 2021 e sul Festival dice: “Sarebbe drammatico farlo in un mini lockdown”
Articolo successivoPontedassio, il sindaco Calzia: “Con la ripresa della scuola si sposteranno nel nuovo istituto le classi 4^ e 5^ elementare e le ultime due classi della secondaria di primo grado I L e II M”