Alimenti, fibre, materiali per l’edilizia e cannabis light a basso contenuto di Thc: ecco la nuova filiera che sta spopolando in Italia e sarà presentata da Coldiretti Imperia martedì 8 maggio dalle 20.30 ad Arma di Taggia, via San Francesco 118.

Sono già più di mille le imprese agricole che in tutta Italia si sono affacciate a questo nuovo tipo di coltivazione, perfettamente legale se contenente un Thc non superiore allo 0,2 per cento, coltivazione che ha mille e più impieghi e che sta crescendo in valore commerciale, rendendo la filiera tra le più attive.

Ma non tutti sono al corrente delle potenzialità di questo tipo di produzione e degli obblighi da rispettare per non rischiare di incorrere in multe e sanzioni. È per questo che Coldiretti Imperia organizza un momento di incontro con gli agricoltori della Liguria,  per discutere insieme la normativa e conoscere gli usi della pianta più versatile dell’agricoltura italiana che,  grazie alle nuove tecnologie,  può entrare nella vita quotidiana della famiglie, dalla tavola all’edilizia, dalla moda alla cosmesi, dall’ambiente alla salute.

“La canapa è una pianta che si adatta bene al nostro clima: – afferma il Presidente di Coldiretti Imperia, Gianluca Boeri – classificata tra le piante infestanti non necessita di molto terreno per avere rese significative ed è per questo che le aziende della Liguria potrebbero trovare in questo nuovo commercio Made in Italy un punto di svolta per le loro aziende. Io stesso, con alcuni soci, ho aperto la Società Sunremolab, dove produciamo canapa a scopo florovivaistico. Tuttavia  la nuova legge sulla coltivazione della canapa, entrata in vigore da più di un anno, lascia molte zone grigie  non menzionando, ad esempio, in maniera esplicita i modi d’uso legali, ed è per questo che durante l’incontro vorremmo dare ai coltivatori interessati le linee guida di base per la sua coltivazione in piena sicurezza. Vogliamo fare chiarezza su tutti gli aspetti di questa nuova coltivazione, tutelando i nostri agricoltori nella produzione di  un prodotto tra i più versatili al mondo.”.

“I nostri agricoltori – afferma il Direttore di Coldiretti Imperia, Domenico Pautasso –  devono essere consapevoli di questa nuova frontiera che dal punto di vista economico non può che giovare ad aziende in gran parte medio piccole come le nostre. Coltivare la canapa in Italia è perfettamente legale, se ciò avviene nel rispetto delle regole e delle procedure contenute nella nuova Legge 242  del 02/12/2016 (“Disposizioni per la promozione della coltivazione e della filiera agroindustriale della canapa”). Per coltivarla bisogna essere agricoltori con un fascicolo aperto nel portale sian e seminare sementi certificate con un massimo di 0,2% di  thc. Rispettando queste regole e cercando di non farsi abbindolare da coloro che hanno cattive intenzioni, si avrà a disposizione un nuovo prodotto 100% Made in Italy che potrà competere su tutti i mercati”.

Articolo precedenteLa Riviera dei Fiori va in scena: opportunità per i giovani e per il territorio
Articolo successivoBandiera Blu, confermati i quattro vessilli nel Ponente: Bordighera, Taggia, Santo Stefano e San Lorenzo