video
05:23

Siamo tornati a Camporosso per un’intervista al sindaco Davide Gibelli in merito alla riserva naturale dell’oasi del Nervia.

“Abbiamo deciso di creare una recinzione – afferma il primo cittadino – una staccionata che divida la zona balneabile della spiaggia, dallo spazio protetto dell’oasi. Un elemento visivo può dissuadere più facilmente le persone a tenersi alla giusta distanza da quest’area protetta”.

“Nonostante ci siano dei chiari regolamenti – prosegue Gibelli – abbiamo constatato che molto spesso non vengono rispettati, il nostro auspicio è che vedendo questa limitazione la situazione possa migliorare. L’oasi del Nervia è una riserva naturale di grande valenza sia naturalistica che didattica e turistica. Quest’opera è stata realizzata come primo passo dopo la costituzione di un tavolo di lavoro con il Comune di Ventimiglia e i volontari che da sempre si occupano di questo sito”.

“Il fine è quello di valorizzare e proteggere – aggiunge il sindaco di Camporosso – una zona unica in tutta la Liguria, un’area di sette ettari da rispettare e tutelare. La staccionata è un’opera frutto di una scelta che ha rispettato l’impatto ambientale ed è stata realizzata dal Comune di Camporosso, con il contributo del presidente dell’associazione nazionale Permacultura Pietro Zucchetti, i pali in legno di castagno provengono dal Piemonte, avendo ancora la corteccia, amplifica il carattere naturale che contraddistingue la valenza del sito”.

L’intervista completa nel video a inizio articolo.

Articolo precedenteElezioni provinciali, il parere di Giacomo Chiappori: “Scajola e Biancheri trovino una sintesi, unione e non spaccatura. Gazzola, Ferrari, Giuffra e anche Dellerba nomi buoni”
Articolo successivoOggi il Consiglio provinciale: approvazioni all’unanimità, le pratiche discusse