Bussana Mare, installati i primi pali nuova illuminazione. Aumentano i malumori: "Rovinano la vista"

Proseguono i lavori per l’installazione della nuova illuminazione in via al Mare a Bussana, ma come era prevedibile non si placano i malumori di alcuni residenti a cui il progetto non piace proprio. Diverse le rimostranze nei mesi passati. Luca Goso, portavoce, spiega la contrarietà ai nuovi pali della luce.

“Il motivo principale è la posizione: a lato mare. Viene preclusa così la vista verso l’orizzonte che prima era completamente libera. I lampioni erano precedentemente posizionati sotto gronda, appesi alle facciate delle abitazioni, come vuole l’indicazione dell’illuminazione pubblica,” dichiara.

“La zona – spiega Goso – è inoltre interessata sia da vincolo paesaggistico sia storico. Qui, infatti, sono presenti due siti di estrema importanza: la villa Romana e la grotta dell’Annunziata. Questi pali non sono adeguati alla zona: non arredano e non riqualificano l’area.”

Proprio al riguardo sono state inviate due lettere, a firma Luca Goso, alla Soprintendenza per chiedere delucidazioni. Una inviata il 22 settembre, l’altra il 18 novembre. “A distanza di due mesi non è arrivata alcuna risposta e questo ci fa sorgere qualche dubbio;” commenta.

L’opera finanziata con fondi regionali Por Fesr sta andando avanti e sono diversi i pali installati, alti circa 8 metri a ridosso dello storico muretto in pietra. Sulla questione dei lampioni ‘sotto gronda’ da Palazzo Bellevue i tecnici fanno sapere che questo tipo di illuminazione non è più a norma. I residenti avrebbero però auspicato un occhio di riguardo per quanto riguarda il fattore estetico.

“Questa è una zona che è sempre stata dimenticata. Adesso che c’era la possibilità di riqualificarla con un’illuminazione in grado di arredare, si è deciso di mettere pali alti 8 metri senza nessun senso estetico. Si tratta dei classici pali utilizzati nelle grandi viabilità metropolitane,” conferma Goso.

A lavori iniziati i residenti chiedono comunque un cambio in corsa per limitare l’impatto della nuova illuminazione.

“C’è ancora la possibilità di rimediare. Partendo dalla sostituzione delle lampade. S potrebbero mettere lanterne o lampade che arredano, rispetto a quelle che c’è in progetto di installare. È inoltre ancora possibile abbassare i pali,” conclude Goso.