Sono 57 mila euro i fondi necessari per il trasferimento dell’asilo Sacro Cuore di Gesù di Bussana dalla sede attuale all’edificio delle opere parrocchiali.

Come ricorderete, prima dell’estate la Diocesi, proprietaria dell’immobile, aveva annunciato la chiusura dell’asilo per via delle condizioni strutturali in cui verte lo stabile. La parrocchia e il Vescovo si erano detti impossibilitati ad affrontare le spese dei lavori e da qui la grande preoccupazione dei genitori dell’asilo e di tutta la comunità di Bussana per l’eventuale perdita di un fondamentale servizio.

Dopo una serie di trattative, la settimana scorsa è stata firmata la convenzione tra il Comune di Sanremo e la Diocesi.

L’unico nodo da sciogliere rimaneva quello dei costi per la messa a norma e l’adeguamento delle opere parrocchiali.

I 57 mila euro saranno coperti in parte dalla raccolta fondi di sabato sera organizzata dai genitori e che ha fruttato circa 7 mila euro. Dieci mila euro sono stati donati dall’azienda Idroedil della famiglia Ghilardi e altri 10 mila dal Gruppo Permare della famiglia Amerio.

I 30 mila euro necessari a coprire le altre spese sono stati, invece, stanziati dal Comune.

L’asilo Sacro Cuore è quindi salvo. Grande la soddisfazione del consigliere Alessandro Sindoni che in prima persona si è occupato della vicenda stando al fianco dei genitori e mediando tra il Comune e la Diocesi.

Articolo precedenteTaggia: ‘caso Pizzolla’ in Consiglio Comunale. Manni: “Situazione che crea imbarazzo”
Articolo successivoEdilizia, Confartigianato: “Siamo in emergenza. Necessario velocizzare l’iter per le autorizzazioni.”