Moto sul cavalletto e braccia tese verso il cielo. Si è conclusa così la terza Dakar di carriera per Maurizio Gerini.

Il pilota di Chiusanico termina la gara in un’ottima ventesima posizione, ancora una volta migliore degli italiani, la stessa conquistata nell’ultimo stage odierno da Haradh al traguardo di Qiddiya.

Una nuova grande avventura portata a termine con momenti esaltanti e altri di grande sfortuna. Tra i primi i vari piazzamenti nella top 15, tra i secondi i problemi alla mousse con la speciale terminata senza gomma posteriore e l’incredibile mancanza di benzina nella penultima tappa quando ‘Gerry’ viaggiava con il quinto miglior tempo parziale.

In generale Gerini, secondo della classifica marathon vinta nelle due edizioni precedenti, si conferma una certezza del rally raid pronto a regalarsi nuovi successi e far emozionare ancora i tantissimi tifosi che lo seguono con passione.  

Articolo precedenteTaggia: domani congresso regionale della Legacoop Liguria
Articolo successivoCristian Quesada: “Presto per giudicare l’amministrazione Biasi, lo faremo tra un anno”. Doppia preferenza e no al listino i punti fermi del Pd per le regionali