video

In cima alla valle Argentina, a 1300 mt slm, sulle rocche alpine che si affacciano per scorgere il mare lontano, ci accoglie il villaggio brigasco di Borniga. Sorto sulla via che da Realdo conduceva a Briga Marittima di cui era frazione, dal secondo conflitto mondiale passa a Triora a seguito dei nuovi confini statali.

Un luogo silenzioso, sospeso nel tempo. L’asfalto sulla strada è giunto qui nel 2003 mentre l’acquedotto solo questa estate. Piccolo insediamento una volta diviso tra pastorizia e coltura del grano e delle lenticchie, Borniga è oggi un luogo perlopiù di villeggiatura estiva che si ripopola la prima domenica di Agosto quando si festeggia la Madonna della Neve.

Le poche viuzze ornate di sassi conducono oltre il vecchio forno, verso lo splendido panorama che da qui si gode su tutta l’alta valle, con i monti Saccarello, Frontè, Grai e Marta a far da contorno a questa piccola perla adagiata sulle rocche.

Articolo precedente“Includiamo le persone fragili nella diocesi di Ventimiglia-Sanremo”, Caritas apre un bando da 25 posti
Articolo successivoRestrizioni covid-19, l’assessore regionale Benveduti: “Chi fa impresa non può vivere nella continua improvvisazione e insicurezza”