giardini irene brin

Per celebrare il 700° anniversario della morte di Dante Alighieri la Delegazione FAI di Imperia organizza una “Serata Dantesca”, domenica 12 settembre, a Sasso di Bordighera, nella cornice dello splendido giardino di Irene Brin.

È un giardino ligure a terrazze e fasce che digradano verso la vallata, con olivi centenari, palme e piante esotiche, alberi secolarialberi secolari, radure erbose, piante fiorite di molte e diverse specie. Fu voluto da Irene Brin, giornalista di moda, di eleganza e di savoir faire, colta, ironica, brillante e leggera, nata nel 1911 come Maria Vittoria Rossi da una famiglia, originaria di Sasso, in cui si univano cultura illuminista, rigore militare e cosmopolitismo ebreo mitteleuropeo.

Nel periodo compreso tra l’anno 2009 e 2011 l’artista Maria Dompè ha progettato un sostanziale riassetto del Giardino. Modificando quote con nuove modellazioni del terreno e integrando interventi lapidei scultorei, ha realizzato una elaborata riqualificazione ambientale e artistica (opera n° 57 del sito www.mariadompe.com).

L’evento avrĂ  luogo in due turni, con orari 17,30 e 19,00; il banco accoglienza sarĂ  nel centro di Sasso, in Piazza Dante Alighieri.

Il programma della serata prevede due momenti artistico-letterari: dapprima Gioacchino Logico reciterĂ  il XXVI canto dell’Inferno presso l’opera scultorea “Virtute e Conoscenza” di Maria Dompè; la regia del momento recitativo è di Eugenio Ripepi. Successivamente verrĂ  presentata un’opera effimera appositamente creata da Maria Dompè, che la realizzerĂ  poche ore prima dell’evento; questa “Serata Dantesca” sarĂ  l’unica occasione che si avrĂ  di ammirarla, perchĂŠ al termine della giornata cesserĂ  di esistere; l’opera avrĂ  il titolo:

“Lo sommo Ben, che solo esso a sĂŠ piace,
fé l’uom buono e a bene, e questo loco
diede per arr’a lui d’etterna pace”.
(Dante, Purgatorio, Canto XXVIII, vv.91-93)

Presentazione dell’artista Maria Dompè e dell’opera a cura di Maria Teresa Verda Scajola; il canto XXVIII del Purgatorio cui l’opera è ispirata verrà illustrato da Gian Antonio Dall’Aglio.

Entrambi i momenti si svolgeranno nel contesto delle opere scultoree lapidee adagiate sul vasto manto erboso del giardino.

Al termine dell’evento sarĂ  possibile visitare il prezioso museo dedicato a Irene Brin con foto, ricordi e opere di artisti di pregio.

L’evento è organizzato su prenotazione versando contestualmente il contributo di € 10,00 finalizzato alla raccolta fondi destinati agli interventi di manutenzione e restauro dei beni della Fondazione presenti in Liguria. Si potrà scegliere tra i due orari previsti, fino ad esaurimento posti disponibili.

La prenotazione potrà essere fatta a partire dal 1 settembre presso i Punti FAI (Bordighera: Agenzia Liberty; Sanremo: Galleria d’arte La Mongolfiera, delegazione FAI presso Museo Civico Sanremo, p.zza Nota; Imperia Porto Maurizio: Antiquariato Sebastian).

La partecipazione all’evento avverrà rispettando tutte le disposizioni vigenti in materia di distanziamento fisico e tutela della salute.

A seguito del decreto-legge 23 luglio 2021, n. 105 (c.d. DL “Green pass”), pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 175 del 23 luglio 2021 la partecipazione a questa attivitĂ  sarĂ  consentita solo ed esclusivamente ai soggetti muniti di certificazione verde COVID-19.

L’organizzazione raccomanda la massima puntualitĂ , scarpe comode e sconsiglia l’ingresso a chi ha difficoltĂ  di deambulazione; durante l’evento non sono previsti posti a sedere nel giardino. Inoltre ringrazia coloro che hanno reso possibile questo evento: il padrone di casa Vincent Torre, nipote di Irene Brin, Maria Dompè, Gioacchino Logico, Eugenio Ripepi, Aldo Toscano, Sergio Viglietti, Istituto Italiano Decorazione Floreale Amatori (I.I.D.F.A.).

Articolo precedente“Il vecchietto dove lo metto 2”. Triste seguito senza cuore di una canzone
Articolo successivoCovid, al via il 7 settembre il ‘Progetto vaccinale di prossimitĂ ’ nel distretto sanitario sanremese: ecco il calendario