vittorio ingenito

Posticiperemo l’avvio di nuovi lavori pubblici al prossimo settembre, per garantire condizioni più favorevoli alla ripartenza del settore turistico ed alla ripresa delle attività commerciali”. Con queste parole il Sindaco di Bordighera, Vittorio Ingenito, commenta la decisione presa dall’Amministrazione e preannunciata nello scorso Consiglio Comunale ad ulteriore supporto del tessuto economico.

“Riteniamo che in questo momento, alle soglie della stagione estiva e con l’auspicio di una accelerazione della campagna vaccinale, sia preferibile concentrarsi sui numerosi cantieri già in corso e rinviare, quando possibile, interventi di particolare impatto sulla viabilità oppure in quartieri di chiara vocazione residenziale, in cui alta è la concentrazione di seconde case.”

Inizieranno dunque dopo il 15 settembre, tra gli altri, il rifacimento del marciapiede di via Vittorio Emanuele nel tratto tra via Noaro e via San Marco, la demolizione e la ricostruzione del Palazzo del Parco, il restauro della Chiesa Anglicana, il cantiere di via Aldo Moro. In questo modo potranno essere evitati disagi per eventuali variazioni del traffico pedonale e veicolare, per un possibile aumento del livello di rumore, per accessi più difficoltosi a negozi, ristoranti e bar. Non solo: il centro culturale di via Regina Vittoria potrà aprire le sue porte per eventi espositivi che arricchiranno il calendario dell’estate.

“Procederemo con i molteplici cantieri già avviati, molti dei quali termineranno entro la stagione estiva, e desidero rassicurare sul fatto che non saranno rimandati gli interventi di carattere urgente come quello per il muro di via Goffin, i cui lavori inizieranno la prossima settimana,” conclude Vittorio Ingenito.

“Anche questa scelta rientra nel piano di sostegno che abbiamo intrapreso all’insorgere di questa crisi sanitaria, economica e sociale: ora più che mai è fondamentale che Bordighera offra la miglior esperienza possibile ai cittadini e agli ospiti.” ​

Articolo precedenteNon solo uno slogan: senza scuola non c’è futuro
Articolo successivoZone gialle e riaperture, Barbara Biale (Confartigianato): “Ben vengano, ma basta ‘stop&go’ e più controlli sui comportamenti”