Si è svolto ieri presso l’ex chiesa anglicana di Bordighera il convegno dal titolo “Bordighera e i rischi naturali”.

    Numerosi gli interventi di esperti del settore per informare ed educare i cittadini nelle situazioni di rischio dovute ad eventi naturali.

    Presenti insieme ai rappresentanti di Protezione Civile, Croce Rossa e Forze dell’ordine le massime autorità civili e militari della provincia di Imperia.

    Durante l’evento è stato presentato dal dott. Ampelio Verrando anche il piano comunale di emergenza: “Il piano è consultabile da tutti i cittadini i quali devono prendere la responsabilità di saper come agire in momenti critici come i terremoti o alluvioni”, commenta.

    Argomento centrale del convegno il cittadino e la sua autoprotezione. Durante il convegno sono intervenuti Luca Ferraris, presidente Fondazione CIMA, Alessandro Scarpati, Associazione Nazionale Disaster Manager, Ampelio Verrando, Estensore del piano comunale emergenza sismica, Giuseppe Enrico, Dirigente Protezione Civile Comune di Imperia, Luca Piaggi, Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico, Attilio Satta, Comandante Polizia Locale. A moderare il convegno Franco Pasagirklian.

    “Noi abbiamo cercato di far capire la necessità di far riferimento a dei quadri di formazione come il piano di Protezione Civile. Oltre il sito del Comune di Bordighera ci sono anche due app interattive che forniscono le informazioni necessarie”, spiega Attilio Satta, Comandante della Polizia Locale. 

    Importante anche l’intervento del Dirigente della Protezione Civile del Comune di Imperia, Giuseppe Enrico, incentrato proprio sull’autoprotezione: “Con questo termine io intendo tutte le norme di comportamento che un cittadino deve avere in casi di emergenza. Bisogna usare innanzitutto il buon senso, che insegna a tenersi informati, a stare attenti e non andare a sfidare la natura perché è sempre più forte di noi”, sottolinea.