La Giunta Comunale di Bordighera, nel pomeriggio di ieri, ha approvato una variazione di bilancio che storna i fondi destinati alla pedonalizzazione di piazza Eroi della Libertà (piazza della stazione) e di Corso Italia, verso interventi di manutenzione straordinaria non più prorogabili.

“Scuole, marciapiedi, asfalti, acquedotto, arredo urbano, restano le priorità della nostra amministrazione. Non possiamo d’altra parte eliminare ulteriori posti auto senza avere preventivamente realizzato un nuovo parking interrato nell’area della piccola velocità,” commenta il sindaco Vittorio Ingenito.

I principali interventi riguardano:

Scuola Rodari – €198.000 rifacimento asfalti, previa sostituzione della piantumazione esistente. Sostituzione del manto di copertura del campetto interno.

Scuola di via Pelloux – € 70.000,00 sostituzione delle tubature dell’impianto di riscaldamento.

Acquedotto – € 115.000 manutenzione straordinaria del manufatto di via Coggiola – acquisto nuovi contatori.

Marciapiedi – € 550.000,00 via Aldo Moro, da via Ferrara a via Rattaconigli lato sud, da via Primo Maggio a Via Vittorio Veneto lato nord.

Igiene Urbana – € 240.000,00 acquisto di n. 5 isole ecologiche e n. 200 nuovi cestini dotati di copertura superiore.

Acquisto automezzi da lavoro – € 30.000,00

Sicurezza stradale – € 100.000,00 realizzazione di passaggi pedonali sopraelevati (come sulla via Romana) acquisto di barriere mobili anti terrorismo per il lungomare ed il paese alto, nuove telecamere.

Ulteriori interventi riguardano gli asfalti, la frazione di Borghetto, la zona delle Due Strade, il Porto, la palestra Conrieri; sono poi state stanziate ulteriori risorse sulla parte corrente del bilancio per l’acquisto di fiori e sistemazione del verde verticale.

“Ringrazio tutti i miei assessori e consiglieri per la generosa collaborazione e soprattutto gli Uffici che hanno lavorato con grande intensità affinché si possa garantire l’assegnazione dei lavori entro fine anno. Restano ancora molte opere da realizzare, prima fra tutte il muro di villa della Regina Margherita: a distanza di anni dal crollo, inspiegabilmente non abbiamo ancora un progetto. Solo in questi giorni la centrale unica di committenza del Comune di Bordighera sta infatti valutando le recenti offerte pervenute dei progettisti; anche in questo caso devo ringraziare il personale per l’impegno profuso,” conclude il primo cittadino.

Articolo precedenteBiancheri rompe gli indugi e si ricandida: “Per il bene di Sanremo”
Articolo successivoBordighera estate 2018: ritornano Aspettando Godot e la Rassegna ‘d’Autore e d’Amore’