Il consigliere regionale Claudio Muzio, capogruppo di Forza Italia – Liguria Popolare, ha depositato una proposta di legge regionale che apporta integrazioni e modifiche alla vigente normativa sulla tutela del benessere degli animali d’affezione e sulla prevenzione del randagismo (l.r. 22 marzo 2000, n. 23) La proposta di Muzio ha come obiettivo quello di adeguare l’attuale legge a principi di maggiore attenzione, salvaguardia e contrasto dei comportamenti dannosi per gli animali.

“È un dato sempre più evidente – scrive il consigliere regionale nella relazione introduttiva – come la sensibilità e il desiderio di tutela degli animali d’affezione siano in crescita esponenziale; in Italia sono 6 milioni le famiglie che hanno deciso di vivere con un animale domestico, ma nonostante ciò i fenomeni dell’abbandono, del randagismo e dei maltrattamenti sono realtà con le quali enti ed associazioni continuano a fare i conti”.

“Nasce da qui – prosegue – la volontà di apportare modifiche alla legge regionale 22 marzo 2000 n. 23, aggiornandone le finalità, dando una definizione specifica di che cosa si intenda per animali d’affezione, puntualizzando gli obblighi in capo ai proprietari e prevedendo sanzioni amministrative per il mancato rispetto di tali obblighi, normando le esposizioni, le competizioni e gli spettacoli in cui vi sia la presenza di animali. La proposta di legge prevede inoltre aiuti per le sterilizzazioni e per le campagne di informazione e sensibilizzazione volte a favorire il rispetto degli animali e introduce norme relative alle modalità di custodia. Altra parte importante riguarda l’istituzione di un’assistenza veterinaria mutualistica per gli animali i cui proprietari si trovano in condizione di difficoltà economica. Alcuni articoli sono infine dedicati all’accesso degli animali d’affezione nelle strutture di cura pubbliche e private”, conclude il capogruppo di Forza Italia – Liguria Popolare.

Articolo precedenteFontane danzanti e piatti della tradizione: tra novità e conferme, a Imperia è tutto pronto per la festa di San Giovanni
Articolo successivoMolini di Triora: il restauro della pala d’altare di Battista Gastaldi scelto come immagine della campagna nazionale del 2 x mille