[beevideoplayersingle adstype=”video-ads” videourl=”https://vimeo.com/238910328″ videoadsurl=”https://vimeo.com/236432438″ adsurl=”http://www.rivierarecuperi.com/”]L’ospite di oggi dell’Intervista di Riviera Time è Giovanni Barbagallo, consigliere regionale del Partito Democratico, che nelle scorse ore ha presentato un odg che chiede alla Regione Liguria di contribuire con risorse proprie allo sviluppo della Zona Franca Urbana a Ventimiglia. “Vedremo cosa risponderĂ  la Giunta”, afferma Barbagallo. “Vedremo se dimostreranno di credere in questo progetto, che non sarĂ  la panacea di tutti i mali, ma può sicuramente aiutare lo sviluppo economico dell’area intemelia”.

Si passa poi a parlare del PSR, il Piano di Sviluppo Rurale. “La situazione è preoccupante”, spiega il consigliere regionale. “A fronte di quasi cinquemila domande, soltanto 800 hanno avuto un primo nulla osta e soltanto 40 sono state messe a pagamento. Siamo molto preoccupati perché andiamo incontro al rischio del disimpegno, che significa che ci verrebbero tolte delle risorse”.

Barbagallo ha poi annunciato che chiederanno alcuni interventi per andare incontro agli agricoltori, viste le grandi difficoltĂ  che il settore sta subendo a causa della prolungata siccitĂ .

L’intervista si sposta infine sui temi politici, a partire dalla legge elettorale che sta per essere approvata dal Parlamento. “Non è una legge elettorale che mi fa impazzire, ma è l’unica che si è riusciti a fare con un accordo. Chi polemizza dimentica che in realtà noi non avevamo una legge elettorale”.

Il consigliere regionale si esprime anche sulla situazione all’interno della maggioranza Capacci a Imperia a pochi mesi dal voto. “Credo che anche il sindaco sappia che si potesse fare di più. Non sono però uno di quelli che abbandona la nave quando il mare è agitato. Il Pd ha dimostrato grande onestà e credo lo farà fino alla fine. Bisognerà poi fare un bilancio e capire se andare ancora avanti”.

Articolo precedenteCaterina Bergo, principessa dell’arpa
Articolo successivoMonte Faudo, la grande bellezza deturpata dalle antenne