3500 chilometri tra Spagna e Marocco, tre deserti, no gps, quasi 300 team da tutto il mondo.

Questo è il Panda Raid 2017, il rally esclusivo per sole Fiat Panda e che si svolgerà a marzo da Madrid a Marrakech.

Non contento, Paolo Boeri,  di Badalucco, affronterà il viaggio partendo dalla Valle Argentina sul suo vecchio “pandino” di 30 anni.

“Per la gioia di mio padre, ho una grande passione: quella per i motori e per i viaggi estremi,” racconta Paolo.

Dovrà affrontare sabbia, pietre, guadi e terreni impervi. Tutto questo con macchine d’epoca e, come si faceva un tempo, senza tecnologie moderne come la localizzazione satellitare.

Paolo: “Avremo un quaderno di bordo, una bussola e il contachilometri. Starà alla nostra bravura, fare meno strada possibile.”

Oltre a essere un grande evento sportivo estremo, il Panda Raid ha anche uno scopo benefico.

“Con i nostri Panda preparati – spiega Paolo – riusciremo a raggiungere villaggi isolati e a portare aiuti umanitari agli abitanti.”

Nell’intervista a Riviera Time, Paolo Boeri, racconta tutti i dettagli di questo folle viaggio.