Bilancio più che positivo per la prima edizione di ‘UlivoScultura’, il simposio di scultura nel legno d’ulivo che Rossella e Franco Boeri “Roi” hanno organizzato per onorare ulteriormente la pianta che colora la valle Argentina, i cui preziosi frutti costituiscono grande parte dell’economia locale. L’evento si è svolto a Badalucco, dal 25 al 29 settembre.

La qualità delle opere è risultata altissima, gli artisti sono stati molto contenti dell’organizzazione e della partecipazione di pubblico; l’interesse riscontrato è stato molto elevato, tanto che le opere appena realizzate sono già state richieste per abbellire alcuni eventi espositivi. Non sono mancate le visite delle scolaresche, con i bimbi che hanno potuto apprezzare sia la parte artistica che quella legata all’agricoltura.

“Siamo molto soddisfatti – spiega Franco Boeri – perché è stata una bellissima esperienza che sicuramente ripeteremo. Abbiamo già molte idee, ma come sempre in questi casi, bisogna lasciar decantare l’entusiasmo e ragionare a mente fredda. Siamo stati aiutati dalle eccezionali condizioni meteo, abbiamo avuto una affluenza che non aspettavamo, non solo al sabato”.

Al simposio hanno partecipato 5 artisti, scultori del legno: Toni Costa, Massimiliano Stellini, Silvano Ferretti, Angelo Bettoni e Andrea Gaspari.

Ognuno ha avuto a disposizione un tronco d’ulivo alto circa 2 metri, un gazebo di 9 mq nell’uliveto di Regione Ortai, e 5 giorni (dalle 9 alle 18) per scolpire una immagine, un’idea, a tema libero. Le opere rimarranno esposte all’Agriturismo l’Adagio di Badalucco, a Ulivo Bistrot (FICO, Bologna) e presso il frantoio Roi.