Con l’autunno alle porte, e con esso l’inizio della stagione delle piogge, la situazione dei torrenti imperiesi risulta tuttora allarmante.

    Nei vari rii e torrenti, soprattutto nelle vallate del Prino e dell’Impero, la vegetazione ricopre la gran parte della superficie destinata allo scorrimento dell’acqua e vi è la presenza di sversamenti fognari.

    “Abbiamo notato degli odori sgradevoli dovuti a pozze stagnanti, non di acqua ma di fognature che si riversano nei torrenti” spiega Giuseppe Franciosi del Gruppo Ecologico “Martiri Val Prino”. “Il problema maggiore riguarda la vegetazione, che non permetterà un buon deflusso verso la foce dei torrenti, soprattutto perché in alta montagna, non essendo più mantenuta la zona dei rii, rischiano di formarsi delle dighe pericolose, come era successo anni fa nella zona di Prelà e Dolcedo.