Aurelia Bis Borgo-Foce, parte la petizione. Marcucci: "Importante per il futuro"

Sanremo è una città trafficata. Per iniziare, c’è bisogno di una strada che colleghi l’intero centro da est a ovest, per poi estendere il progetto a tutto il Ponente Ligure e, un domani, all’intera Liguria” afferma Lorenzo Marcucci.

Il consigliere comunale sanremese, in carica da circa otto mesi, ha recentemente lanciato una petizione per l’inserimento del prolungamento dell’Aurelia Bis fino alla Foce come onere nella prossima concessione autotradale. Sono state raccolte, nelle prime 48 ore, più di seicento firme.

Già in altre occasioni il bando era stato accompagnato da una clausola di questo tipo, insieme all’obbligo di avviare l’iter burocratico non appena l’appalto venga assegnato. Per questo motivo, Marcucci è particolarmente fiducioso; ecco il testo della lettera che accompagna la petizione:

“Nel bando delle concessioni autostradali, il nuovo concessorionario dovrà provvedere anche al prolungamento dell’Aurelia bis dal Borgo fino alla Foce, a Sanremo.

Questa è la richiesta portata avanti da questa petizione.  

Il completamento dell’Aurelia bis è un’opera importantissima per i collegamenti provinciali. 

Tradizionalmente, ad ogni bando (o rinnovo) della concessione Autostradale della tratta “Ventimiglia-Savona” si prevede come onere per il concessionario la realizzazione di un “pezzo” di Aurelia Bis.

Nel Novembre 2021 andrà a gara il rinnovo della concessione e questa volta rischiamo di non ottenere il “consueto” pezzo dell’Aurelia bis. Questo perché la Regione ha indicato al Ministero altre opere, come oneri, che dovranno essere realizzate dal futuro concessionario. 

Le richieste che ha fatto la regione al Ministero sono in gran parte condivisibili. Tuttavia, secondo me, si potrebbe alzare l’asticella e osare qualcosa di più. Dopo tutto abbiamo una fra le tariffe al kilometro più alte di tutta Italia.

È superfluo ricordare tutti i problemi di viabilità che ha il nostro territorio. L’isolamento in cui attulamente viviamo per via dei disastri accaduti sulle Autostrade rende difficile accedere al nostro territorio e spostarsi all’interno di esso. 

Voglio però ricordare che in assenza del prolungamento dell’Aurelia Bis rischia di essere pregiudicato il diritto alla Salute di coloro che hanno necessità di accedere urgentemente al Pronto Soccorso e che si devono immettere nel traffico del centro di Sanremo (perché provenienti dalla Foce o da Ospedaletti). Situazione che si accentuerà con l’avvento dell’Ospedale Unico ad Arma di Taggia. 

Vedete, cari lettori, io ho 24 anni e se non verrà inserito come onere il prolungamento dell’Aurelia Bis fino alla Foce, probabilmente fino a che io non avrò 40 anni non si avrà più l’opportunità di realizzare l’opera. 

I fondi per le infrastrutture in Italia sono pochi. Sia sotto l’aspetto della manutenzione (e tristemente quando accadono tragedie ce ne rendiamo conto) e sia sotto l’aspetto della creazione di nuovi collegamenti. Per questo non possiamo permetterci il lusso di farci scappare questa occasione.

Per chi fosse interessato a firmare la petizione lanciata dal consigliere Marcucci, vi si può accedere tramite il seguente link: https://bit.ly/2GqSgCL.

L’intervista a Lorenzo Marcucci, completa di ulteriori dettagli sull’argomento, è disponibile nel video-servizio di Riviera Time.