[beevideoplayersingle adstype=”video-ads” videourl=”https://vimeo.com/211084347″ videoadsurl=”https://vimeo.com/224092271″ adsurl=”https://www.sialpieve.com/”]“Il 5% delle persone che si avvicina al gioco d’azzardo poi diventa dipendente”. Basterebbe questo dato, fornito dal dottor Giancarlo Ardissone, direttore della Struttura complessa salute mentale e dipendenze dell’Asl1 Imperiese, a capire i contorni, sempre più ampi, del problema che finisce sotto ilo nome di ludopatia.

Un problema di fronte al quale tutti sono potenzialmente a rischio: uomini e donne, anziani e giovani. Nonostante ciò, che finisce nel vortice di questa dipendenza fatica quasi sempre ad ammetterlo. Riviera Time ha deciso di dedicare al tema questo approfondimento, per capire i contorni della questione e le possibili soluzioni.

Articolo precedente“Giochiamocela bene”, successo per l’evento sulle ludopatie a Santo Stefano al Mare
Articolo successivoLongo a Riviera Time: “Ioculano modello da seguire, PD parla ai giovani”