Un uomo di 35 anni, disoccupato, è stato trovato morto la scorsa notte all’interno della sua abitazione a Ventimiglia. Gli agenti della polizia lo hanno trovato riverso sul pavimento di casa. Ora si attende l’esito dell’autopsia, ma a causarne il decesso sarebbe stata l’asfissia provocata da una stufa e dalle cinquantuno piante di marijuana che aveva nell’abitazione.

All’interno dell’abitazione la polizia ha trovato due camere adibite alla coltivazione e alla lavorazione della sostanza stupefacente. Il giovane, che dormiva in una delle due camere, aveva predisposto anche un accurato impianto luci per la cura delle piante.