Paola Arrigoni, capogruppo in Consiglio comunale a Sanremo del Movimento 5 Stelle, è stata ospite nei nostri studi.

Da anni la consigliere pentastellata è in prima linea sul fronte dell’ambiente e della salute. Nei giorni scorsi è tornato sui media locali la questione del ‘Lotto 6’ della discarica provinciale di Collette Ozotto, oggetto di una chiesta per violazione delle norme ambientali. Nell’ottobre del 2017 era arrivata la richiesta di archiviazione a cui Paola Arrigoni e diversi residenti della zona si sono opposti.

“Il giudizio sull’archiviazione è stato posticipato. Stiamo aspettando che il magistrato si pronunci. Rimane comunque alta l’attenzione sulla vicenda. La situazione per chi vive nella zona è molto difficile tuttora: miasmi, disagi e molto altro. Non abbiamo mai abbandonato i residenti di Valle Armea,” spiega la consigliere.

L’intervista si è poi spostata su piazzale Ciuvin, una discarica di inerti considerata da molti abusiva che negli anni ha coperto un’intera vallata. Il Comune ha imposto il ripristino dei luoghi alla ditta Idroedil che ha fatto ricorso al Tar. L’udienza è stata programmata per marzo.

“Una vicenda che abbiamo scoperto nel 2017 e che abbiamo portato all’attenzione della Procura. Vogliamo sapere cosa è stato stoccato negli anni. È diritto dei cittadini,” spiega.

La paura di alcuni è che vi siano materiali inquinanti e dannosi per la salute. Per questo il Movimento 5 Stelle ha chiesto delle verifiche comprendenti la caratterizzazione ambientale del luogo e dei carotaggi. “La Idroedil ha dichiarato di essere disponibile. Ma la caratterizzazione dell’area non deve farla il proprietario dei terreni. Deve essere una verifica a norma di legge. Chiediamo semplicemente questo,” chiarisce Paola Arrigoni.

La capogruppo del Movimento 5 Stelle ha poi parlato degli ultimi mesi di amministrazione Biancheri e di due opere significative che la Giunta ha affrontato nelle ultime settimane: la scelta del project financing per il restyling del Porto Vecchio e la firma tra Comune e Regione per la prosecuzione dei lavori dell’outlet di lusso The Mall.

L’amministrazione conclude il suo mandato esattamente come l’ha iniziato: non condividendo assolutamente niente con i cittadini. La scelta del progetto per il Porto Vecchio è un esempio lampante. Un’amministrazione attenta ai cittadini avrebbe presentato pubblicamente i tre differenti progetti ascoltando le opinioni dei sanremesi. Inoltre, prendono una decisione così importante a tre mesi dalla fine del mandato impegnando così le prossime amministrazioni. Un atto che considero arrogante,” commenta.

“Per quanto riguarda The Mall – continua – noi siamo sempre stati contro e la nostra posizione non cambia.”

Nei mesi scorsi Paola Arrigoni aveva annunciato la sua candidatura alla carica di sindaco alle amministrative di maggio nella Città dei Fiori.

“Ci stiamo preparando molto bene a questo appuntamento alle urne. Siamo sul territorio ormai da 12 anni: i problemi e le idee le abbiamo chiare. Dopo 5 anni in Consiglio comunale sappiamo perfettamente come funziona la macchina amministrativa. Siamo partiti dal programma elettorale del 2014, lo stiamo implementando e integrando. Strategie chiare e obiettivi realizzabili. Il libro dei sogni lo lasciamo scrivere a qualcun’altro,” conclude.