[beevideoplayersingle videourl=”https://vimeo.com/236558820″]Continuano le operazione nello specchio acqueo di Arma di Taggia per l’individuazione di eventuali ordigni bellici. In campo gli uomini della Sezione Rimozione Ordigni Bellici della Drafinsub.

“Attualmete abbiamo cinque obiettivi”, spiega il responsabile Renato Silvestre. “Dobbiamo capire se si tratta di ordigni o di altro materiale ferroso. Sappiamo che in passato ci sono stati dei ritrovamenti – prosegue – ma si è trattato di episodi fortuiti. Noi stiamo operando in maniera sistematica con strumentazione elettronica”.

Articolo precedenteBilancio positivo per lo IAT di Bordighera, Pallanca: “Ringraziamo l’Unitre”
Articolo successivoTaggia festeggia i 70 anni della Polizia Stradale