andrea tafaria filca cisl liguria

“Sicuramente i dati del bollettino Excelsior di Unioncamere sono positivi per il settore delle costruzioni, da giugno ad agosto si parla di 3600 ingressi in Liguria nel nostro comparto con diverse forme contrattuali ma non basta perché è necessario ora mettersi al lavoro per la formazione di alcune figure strategiche che mancano nella nostra regione”, spiega in una nota Andrea Tafaria, segretario generale della Filca Cisl Liguria.

“In particolare mancano figure dedicate al lavoro in galleria come addetti al muletto ma anche lancisti, jumpisti, escavatoristi al fronte, fochini e poi minatore palista e carpentiere al cassero. Abbiamo notato che in Liguria c’è la necessità di aumentare la forza lavoro in questi ruoli specifici ed è per questo che siamo già attivati per iniziare un percorso di formazione. La Scuola Edile rappresenta un gioiello in Liguria che molte regioni ci invidiano, crediamo che in ogni provincia si possa attivare un percorso virtuoso che permetta di formare nuove persone offrendo sul territorio così un ulteriore valore aggiunto in vista dei tanti cantieri che stanno per aprire”.

E nella nota Tafaria sottolinea anche l’aspetto riguardante l’edilizia ambientale: “Anche in questo settore specifico c’è la necessità di avviare una formazione per i tecnici su risparmio energetico ed energie rinnovabili, addetti all’ installazione dei cappotti termici e poi geometri, ingegneri e informatici ambientali e carpentieri sostenibili”

Articolo precedenteSicurezza sui mezzi pubblici, l’assessore regionale Berrino: “Il Daspo dai bus e treni è l’unico deterrente per chi delinque”
Articolo successivoFormazione e lavoro: Regione Liguria lancia ‘match point’, la nuova misura per l’inserimento lavorativo di giovani disoccupati in azienda