Dopo le elezioni comunali nel Ponente ligure, arriva l’analisi del voto del commissario di Forza Italia, Gianni Rolando:

“Sinceramente non comprendo l’entusiasmo con il quale il Sindaco Biancheri commenta i recenti risultati amministrativi. Il dato evidente ed incontrovertibile è che il centro-destra ha trionfato in tutte le amministrazioni aumentando di molto il consenso rispetto al dato delle politiche. L’ulteriore elemento da sottolineare è che i movimenti civici di chiara ispirazione di centro-destra sono stati particolarmente premiati dall’elettorato e quindi indubbiamente i partiti tradizionali devono riflettere al loro interno sulla qualità della proposta politica. Alcuni risultati sono stati condizionati dalle divisioni interne al centro-destra spesso frutto di personalismi. Io mi impegnerò per ricostruire un modello di lavoro che veda i partiti tradizionali affiancati a forti movimenti civici di centro-destra che bene sappiano interpretare le aspettative delle popolazioni locali. Ciò che appare invece assolutamente incontrovertibile è che i modelli civici di centro-sinistra che vedono il PD come elemento centrale, quale è chiaramente l’amministrazione Biancheri, sono stati clamorosamente penalizzati dall’elettorato con sonanti bocciature. A Imperia tale modello, rappresentato dalla Amministrazione uscente di Capacci, è stato chiaramente battuto restando fuori dal ballottaggio. Vorrei ricordare che ad Imperia sommando il dato di Casano l’area di centro-destra raggiunge il 70% dei consensi e Forza Italia rimane comunque il primo partito. A Bordighera il centro sinistra non è riuscito neanche a portare in Consiglio Comunale il candidato Sindaco Albano ex senatrice del PD. È chiaro pertanto che l’amministrazione Biancheri, sebbene si sia privata di due esponenti di spicco della sinistra locale e stia tentando operazioni di trasformismo di convenienza, rimane un chiaro progetto civico di centro-sinistra e non può rappresentare il futuro della città di Sanremo”.

In risposta alle dichiarazioni di Gianni Rolando, non tarda la replica del capogruppo Sanremo al Centro Alessandro Sindoni:

“I cittadini alle comunali votano le persone, la serietà, l’impegno, e poco contano i simboli di partito o le passerelle politiche. L’ultima tornata elettorale nel ponente ligure ha confermato quanto già avvenuto a Sanremo quattro anni fa con l’Amministrazione Biancheri: i cittadini preferiscono progetti civici, più vicini alle persone, con amministrazioni moderate e centriste, senza padrini né padroni, senza alcuna imposizione calata dall’alto. Da Bordighera a Vallecrosia, da Alassio a Ceriale passando, ovviamente, per Imperia, i cui risultati del primo turno sono molto chiari, è stato un tracollo del modello di centrodestra partitico. Questo è chiaro a tutti meno che al commissario cittadino di Forza Italia Gianni Rolando, che da buon ingegnere fa politica “con la calcolatrice” invece di analizzare le motivazioni reali della nascita dei progetti civici e dei risultati usciti dalle ultime elezioni: con il fantasioso esercizio di sommare i voti dei partiti con quelli di altre componenti civiche a loro avverse, riesce ad inventarsi la vittoria del centrodestra, quando i risultati dicono l’opposto. L’amico Rolando dimentica o fa finta di non ricordare che le liste civiche vincenti nel ponente ligure sono proprio antitetiche al progetto Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia. Parla di trasformismo Rolando, ma l’unico trasformismo conclamato è il suo: quello di un commissario cittadino di un partito, Forza Italia, che prova a farsi promotore di progetti civici, tanto da diventarne un esponente di spicco, con l’ambiguità di un Giano bifronte! Una contraddizione palese che è figlia di un maldestro tentativo di riposizionamento politico in vista delle prossime elezioni, su cui il commissario cittadino di Forza Italia dichiara di essere già impegnato. Noi, al contrario – spiega Alessandro Sindoni – stiamo pensando a tutto fuorché alle prossime elezioni. Il Palazzetto dello Sport, il restyling del mercato annonario, acqua e luce nelle frazioni, l’ulteriore rafforzamento del circuito di videosorveglianza, nuovi importanti progetti di riqualificazione di alcune piazze cittadine, i cimiteri cittadini, nuovi corposi interventi nelle scuole (che 4 anni fa trovammo in situazioni disastrose) e molto altro ancora: è questo a cui stiamo rivolgendo noi l’attenzione, anche nell’ultimo anno di mandato. Ai veri problemi dei cittadini, problemi che si trascinano da decenni. Poi certo arriverà anche qui la campagna elettorale, e noi saremo pronti con il nostro progetto civico, aperto a tutti e contro nessuno, inclusivo, propositivo: grazie a questo nostro atteggiamento stiamo continuando a raccogliere tante adesioni da numerosi cittadini, compresi tanti che alle scorse amministrative avevano sostenuto i partiti tradizionali ma che nel modello descritto da Rolando non si riconoscono più”.