[beevideoplayersingle videourl=”https://vimeo.com/240173000″]“Alternanza sì, ma di qualità”. Questo il monito del segretario provinciale della CGIL Imperia, Fulvio Fellegara, riguardo allo spinoso tema dell’alternanza scuola-lavoro. “Noi vediamo le opportunità, ma vediamo anche il rischio che questo strumento sia utilizzato per fare dumping contrattuale”, avverte Fellegara.

Nelle scorse settimane in diverse piazze italiane gli studenti sono scesi in piazza per denunciare questa forma di alternanza scuola-lavoro. “Noi abbiamo appoggiato queste proteste, così come abbiamo appoggiato la Rete degli Studenti Medi che aveva manifestato qui a Imperia per l’edilizia scolastica”, afferma il segretario CGIL. “Quando c’è impegno, soprattutto da parte dei giovani, va sostenuto”.

Fellegara ritiene tuttavia che si possa pensare a un’alternanza scuola-lavoro di qualità. “Serve un progetto. Serve capire che al centro di questo strumento ci sono i ragazzi. Dobbiamo partire dalle loro esigenze e dalle loro necessità di crescita. E serve selezionare le aziende, evitando che le scuole siano costrette ad affidarsi alla prima azienda che si rende disponibile”.