Giunta alla decima edizione, Altare Vetro Design rappresenta ormai un appuntamento fisso, grazie al quale il Museo dell’Arte Vetraria Altarese, con la sua fornace presente nel giardino di Villa Rosa, si pone al centro del dialogo tra designer e maestri vetrai.

Protagonista di questa edizione di Altare Vetro Design è Roberto Marcatti – architetto,  designer, docente, imprenditore e ambientalista milanese radicato da anni in Puglia.

La mostra In water in design: sete di conoscenza sete di sopravvivenza presenta al pubblico una selezione della vasta produzione del designer, dagli oggetti degli anni Ottanta fino ai progetti più recenti tenendo conto di un processo di analisi del mondo del design dal punto di vista culturale.

Per Altare Vetro Design 2021 Roberto Marcatti ha progettato una serie di prototipi di bicchieri e brocche ideali per contenere, servire e degustare l’acqua, sempre in linea con la sua ricerca improntata alla creazione di un design destinato alla collettività e volto a preservare le risorse dell’ambiente. Gli oggetti in vetro sono stati realizzati presso la fornace di Villa Rosa dal maestro francese Jean-Marie Bertaina che da alcuni anni dà forma con grande maestria alle creazioni dei designer invitati.

Un rapporto sinergico in cui rigore progettuale e sapienza manuale si integrano e si intrecciano.

Membro dal 1985 del Gruppo Zeus, Marcatti fonda con altri amici e colleghi il gruppo ABC Incontri sul progetto partecipando a tutte le iniziative culturali nazionali e internazionali nell’ambito del design; collabora con nomi quali Fiorucci e Armani, apre in zona Tortona  a

Milano con Walter e Riccardo Marcatti il primo “outlet” per il design d’autore e collabora a un progetto per la Biennale di Venezia nel gruppo Frank O. Gehry, Claes Oldenburg.

Il suo spirito di curiosità e innovazione lo ha portato negli ultimi dieci anni a ricercare una nuova pratica che, prendendo in parte le distanze dal settore del mobile, guarda alla sostenibilità ambientale e agli aspetti sociali per migliorare la vita dell’uomo sul nostro pianeta.

Nel 2005, in sinergia con Cintya Concari, Marcatti inaugura il progetto H2O per sensibilizzare sul risparmio e la conservazione dell’acqua, mettendo in gioco le proprie competenze nella realizzazione di progetti che, in modo etico e sociale, rispondano alle necessità delle persone e alle specificità dell’ambiente. Il progetto H2O utilizza il linguaggio proprio del design per presentare proposte e affrontare, in sinergia con altre figure professionali, questa emergenza mondiale grazie alla creatività e alla progettazione.

Nelle passate edizioni Altare Vetro Design ha portato nelle sale del Museo di Altare le creazioni di Patrizia Scarzella, Enrico D. Bona con EDBstudio, GumLaura Fiaschi e Gabriele Pardi, Annalisa Cocco, Matteo Zorzenoni, Nicoletta Negro,  Alessandra Baldereschi, Cristina Celestino e Elena Salmistraro.

Altare Vetro Arte e Altare Vetro Design, ideate da Mariateresa Chirico ed Enzo L’Acqua e promosse dall’ISVAV (Istituto per lo Studio del Vetro e dell’Arte Vetraria) e dal Museo dell’Arte Vetraria Altarese, coinvolgono designer e artisti, invitati a cimentarsi con il vetro, in un rapporto sinergico con i maestri altaresi e non, in un reciproco, intenso e proficuo scambio di competenze e conoscenze. Un’occasione d’incontro, di dialogo, di confronto il modo che Altare esprime per trasmettere e rendere ancora attuale e vivo il proprio secolare “saper fare”. Non soltanto, quindi, la tutela e lo studio del passato – di cui mirabile esempio è il Museo con la sua prestigiosa e singolarissima collezione – ma anche un’attività di ricerca legata a chi opera oggi nel mondo del vetro. Il Museo di Altare si propone, quindi, come luogo di incontro e di confronto, in cui dialoga la ricerca più avanzata con la tradizione del passato.

La mostra verrà inaugurata il 16 ottobre alle 17 e durerà fino al 5 dicembre

‘ALTARE VETRO DESIGN’

Museo dell’Arte Vetraria Altarese

Piazza Consolato 4 – 17041 Altare (SV) – Tel  0195 84734 – www.museodelvetro.org

Orari: martedì-domenica: 14-18; lunedì:  chiuso

Articolo precedenteSanremo: il sindaco Biancheri incontra il nuovo questore Peritore
Articolo successivoMolini di Triora: lavori sui danni alluvionali, il punto col sindaco Sasso: “Oggi so cosa posso fare”