Alla scoperta del Museo del Fiore con gli studenti del Liceo Cassini: al via il progetto di valorizzazione

È stato presentato ieri pomeriggio al Museo del Fiore di Sanremo il progetto “Percorsi di Divulgazione e Valorizzazione del Museo del Fiore”, nato dalla collaborazione tra il Liceo Cassini e il Comune.

Due anni fa il Liceo Cassini si è aggiudicato il progetto PON-FSE per il potenziamento dei percorsi di alternanza scuola-lavoro e oggi diventa realtà. L’intero progetto comprende tre diverse iniziative: una dedicata alla valorizzazione e divulgazione del Museo del Fiore, una che prevede visite guidate per la città realizzate in collaborazione con la cooperativa Liguria da Scoprire e infine, l’ultima iniziativa, permetterà a 15 studenti di soggiornare tre settimane a Berlino. Qui i ragazzi avranno modo di lavorare nelle imprese del luogo tramite un’esperienza di stage.

Il progetto per la valorizzazione del Floriseum durerà 90 ore e sarà curato dagli studenti della classe 3T guidati dalle professoresse Lia Motta e Patrizia Magnoni e dal dottor Marco Savona, ricercatore del CREA. Ieri i ragazzi, accompagnati dagli insegnanti e dagli addetti ai lavori, hanno presentato alla città l’iniziativa. L’obiettivo è quello di divulgare e valorizzare la grande risorsa del Floriseum, la storia e le bellezze che custodisce.

“Abbiamo tante idee – commentano le prof.sse Motta e Magnoni – i ragazzi hanno dimostrato grande entusiasmo. Oggi parte un viaggio che finirà a luglio, sarà impegnativo ma sarà affrontato con gioia ed entusiasmo”.

I ragazzi assisteranno prima a delle lezioni e conferenze per conoscere meglio il Museo e poi diventeranno loro stessi le guide all’interno del Floriseum, accogliendo tutti i visitatori, dagli appassionati ai curiosi.

Presente all’incontro anche l’Assessore al Verde Pubblico Barbara Biale che ha espresso soddisfazione per la realizzazione del progetto e per l’entusiasmo mostrato dai ragazzi: “I miei complimenti vanno alle insegnanti e ai ragazzi, perché si approcciano ad un’attività che potrà farli avvicinare alla conoscenza della storia e della potenzialità del loro territorio proprio nel settore della floricoltura”.

Articolo precedenteArma di Taggia, in occasione della Giornata mondiale per la consapevolezza dell’autismo la fontana di via Boselli si colora di blu
Articolo successivoLa Regione stanzia 350mila euro ai Comuni per gli interventi sulle spiagge libere