Alberto Gabrielli presenta il suo libro 'Discrezione': "Un saggio che si muove tra scienza e poesia"

“Con questo saggio, oltre a farmi un regalo per i miei settant’anni, mi sono proposto di mettere nero su bianco una serie di conoscenze scientifiche sull’universo, la terra e i viventi, ponendole in relazione secondo l’assunto che ‘ogni evento è collegato’ e che ‘ogni cosa è complessa’”.

Queste le parole con cui Alberto Gabrielli, ex insegnante e Dottore in Scienze Forestali, introduce il suo ultimo libro dal titolo ‘Discrezione‘. Un saggio ricco di spunti di riflessione e di approfondimenti, la cui complessità è controbilanciata da uno stile di scrittura scorrevole e incalzante.

“La cornice in cui si muove il libro – spiega Gabrielli – è circolare: parte dall’universo, con il Sole (l’energia, la fotosintesi, la vita), attraversa l’evoluzione biologica, le grandi estinzioni di massa, l’evoluzione culturale del sapiens e la storia umana, ed all’universo ritorna con la Luna, regolatrice della vita e della fecondità.

Ritengo che un’indagine che non cerchi di andare nel profondo delle relazioni – siano quelle fisiche (da Newton ad Einstein ed oltre), quelle biologiche (da Aristotele a Watson e Crik passando per Darwin), quelle ecologiche (da Haeckel a Edgar Morin), quelle sociali (da Aristofane a Engels, Marx, Kropotkin) – rischi di essere settoriale e dunque poco significativa rispetto alle sfide globali che dobbiamo affrontare.

Dentro queste relazioni sta infatti l’uomo con le sue abilità e la sua sapienza, le sue creazioni, le sue violenze, le sue bellezze, le sue barbarie, la sua scienza ed anche con la sua volontà di egemonia fortemente ideologica e/o religiosa che solo i sapiens hanno nei confronti delle altre specie viventi, per lo più considerate come oggetti alla mercé della sola specie umana. All’interno della famiglia umana questa volontà egemonica trova espressione nella storica subordinazione della Donna all’Ordine Maschile.

È questo Ordine Maschile che, sotto la forma ideologica del Patriarcato, si impone oltre che sulla Donna, sui popoli e sull’intero pianeta tramite il suo braccio economico – il capitalismo – strutturalmente poco idoneo al rispetto dei cicli biogeochimici e dei limiti imposti dal secondo principio della termodinamica con nefaste e praticamente irreversibili conseguenze per il Pianeta. Di questo testo – apparentemente complicato – costruito fra scienza e storia sono parte integrante i riferimenti musicali, poetici, letterari (che nella edizione in e-book saranno integrati come collegamenti ipertestuali) che molto di tutto ciò hanno compreso, prefigurato descritto – inascoltati – e che nella loro estrema capacità di emozionare nobilitano la nostra storia.

Nel libro sono anche presenti digressioni leggere, approfondimenti territoriali e paesaggistici, note esplicative che rimandano a considerazioni politiche e filosofiche, il tutto nell’ottica della possibile – per me necessaria – apertura di un dibattito serio perché si progetti davvero un futuro senza tornare, banalmente, ad una “normalità” che è stata ed è causa di problematiche immense” conclude l’autore.

Il libro si trova nelle Botteghe del Commercio equo e solidale e nelle librerie di Oneglia e di Porto Maurizio, oltre che alla libreria San Michele di Albenga.