[beevideoplayersingle videourl=”https://vimeo.com/230598120″]Indispensabili in termini di sicurezza, i blocchi di cemento ‘New Jersey‘ utilizzati per arrestare automezzi durante gli attacchi terroristici, sono ormai un elemento fisso in molte cittĂ  italiane tra cui Sanremo.

Dopo i vari attentati a Londra, in Francia e l’ultimo a Barcellona, è chiaro come queste barriere siano necessarie. Allo stesso tempo sono componenti urbane non piacevoli alla vista.

Proprio per questo motivo, Stefano Boeri, il noto architetto che ha progettato il ‘bosco verticale‘ a Milano, ha lanciato una proposta alle amministrazioni e alle prefetture: “Io credo che alla follia disperata dei terroristi dovremmo rispondere con un uso accurato della bellezza naturale e del suo valore simbolico. Invece che snaturare gli spazi piĂą vitali e aperti delle nostre cittĂ  riempiendoli di barriere in calcestruzzo, dovremmo contrapporre all’istinto di morte di queste belve umane la calma presenza delle piante e in particolare delle querce.”

Intanto, il Sindaco di Sanremo Alberto Biancheri, in linea con il pensiero di Boeri, ha espresso la volontĂ  di voler trasformare i blocchi di cemento posizionati nel centro cittadino in vere e proprie opere d’arte invitando writer da tutta Italia ad abbellirli con i loro dipinti.

Abbiamo chiesto ai cittadini di Sanremo cosa pensano di queste proposte.

Articolo precedenteProgetti del bilancio partecipativo di Ventimiglia: entro fine anno si completeranno i giardini e gli spazi all’aria aperta
Articolo successivoTamponata la perdita dell’acquedotto Roja a Imperia