Si avvia alla conclusione “TeaLtro”, la stagione teatrale della CittĂ  di Bordighera con la direzione artistica di “LIBER theatrum”.

Tre gli spettacoli in programma a cominciare da Venerdì 6 Aprile alle ore 21.00 con il gruppo “GENERAZIONE DISAGIO” che metterĂ  in scena il divertente e dissacrante “DopodichĂ© stasera mi butto”, drammaturgia collettiva e regia di Riccardo Pippa. Un cinico e spassoso gioco dell’oca che mira all’annullamento. Le tematiche di disagio generazionale, crisi e voglia di cambiamento, infatti, vengono trattate con un gioco di ribaltamento paradossale dove, invece di risolvere i problemi o lottare per un mondo migliore, il pubblico viene invitato a scaricare tutti i suoi problemi su un attore che è un giocatore-pedina, e che si contenderĂ  con gli altri la possibilitĂ  di arrivare per primo alla casella finale: quella del suicidio. Varie prove e imprevisti faranno avanzare o indietreggiare i personaggi su un tabellone, anche grazie all’aiuto del pubblico dal vivo.
Uno spettacolo che si apre con un vero e proprio manifesto del disagio giovanile declamando i non valori, lo stile e i tre pilastri del vero disagiato “Distrazione Disinteresse Disaffezione“, e in cui i quattro attori si propongono portatori di un messaggio universale e coinvolgono da subito il pubblico: “non temete, siamo tutti disagiati”.

Inizia così un gioco che ha i connotati del quiz televisivo ma anche dei vecchi giochi in scatola. Oltre al cinico presentatore, tre i giocatori coinvolti, degni rappresentanti del disagio giovanile: lo stagista, il precario e il laureando. Lancio dei dadi, carte degli imprevisti, fermi turni e divertenti prove di destrezza per arrivare all’ambita casella finale rappresentata da una bella bara nera, la casella suicidio. Mantenendo la promessa iniziale, anche il pubblico è invitato a partecipare alla partita, interagendo con gli attori e dando vita a una ironica lapidazione pubblica dei non luoghi comuni, così come suggerisce il presentatore, che non solo conduce ma detta le regole del gioco, bandendo tutto ciò che non rispecchia il manifesto. Abolita l’analisi e la profonditĂ  nelle chiacchiere da bar, da evitare troppa emotivitĂ . Testosterone a palate e dunque la donna come un pezzo di carne per soddisfarsi, e poi il sesso per distrarsi, la politica intrisa di razzismo, l’ateismo ma anche momenti di quotidiana veritĂ ; tra il serio e il faceto, il granitico disagiato denuncia quello che non va con poche, precise parole, senza paura di scandalizzare o dire qualche volgaritĂ . Ci si mostra per quello che si è, come si diceva fin dall’inizio, triviali, arrabbiati, annoiati, entusiasti per qualche attimo e poi di nuovo disillusi, ma sempre con ironia speziata di cinismo, e le risate del pubblico non mentono.

Così il gioco si fa davvero condiviso: disfarsi di sé e di tutti i problemi in vista dell’eterno riposo diventa un’ambizione collettiva, tanto è vero che, senza bisogno di essere incalzato, il pubblico spesso si inserisce quasi da solo ad una delle ultime prove, suggerendo alcune parole da inserire nel testo teatrale che diverte ma al tempo stesso lancia pietre di senso che fanno riflettere. Uno spettacolo divertente, paradossale, quasi surreale, ma che fa riflettere sulla situazione sociale attuale e che in qualche modo coinvolge tutti quanti.

La rassegna teatrale di Bordighera proseguirĂ  Sabato 21 Aprile con Gian Felice Facchetti (figlio del terzino e capitano dell’Inter e della Nazionale) che assieme all’Ottavo Richter Trio porterĂ  in scena “Eravamo quasi in cielo”, una curiosa storia di calcio degli anni ’40 quasi del tutto sconosciuta. La rassegna si concluderĂ  Sabato 28 Aprile, quando verrĂ  recuperato “OSSOR OTTECCUPAC (Cappuccetto rosso dalla parte del lupo), spettacolo che a Gennaio doveva aprire il cartellone teatrale di Bordighera e fu invece rimandato e messo in coda a chiudere questa prima stagione targata “LIBER theatrum”.