Si è svolto questa mattina nel porticciolo di Diano Marina, l’ultimo saluto a Mina, staffetta partigiana. Le sue ceneri sono state disperse in mare.

È stata ricordata con una cerimonia semplice, con i compagni e la figlia che ha letto alcuni ricordi della sua mamma. Lettere, pensieri anche sui migranti che da molti anni ormai cercano di oltrepassare la frontiera di Ventimiglia.

Racconti di quando lei percorreva attenta e serena nella sua libertà di donna, in bicicletta ed a piedi le colline dell’entroterra  e portava a chi lottava per un futuro di libertà, le informazioni indispensabili a continuare e vincere la lotta.