A Santo Stefano al Mare tornano i sepolcri: i magnifici quadri realizzati con la polvere di marmo

Dopo un anno di pausa a causa della pandemia Covid-19, tornano in tutto il loro splendore i sepolcri di Santo Stefano al Mare, una tradizione alla quale l’intera comunità è fortemente legata.

Nella giornata di ieri e durante la notte sono stati infatti realizzati i classici “tappeti” che, in occasione del giovedì Santo, adornano l’altare centrale della chiesa parrocchiale e la cripta dell’oratorio del Santo Cristo. Gli artisti e i volontari in collaborazione con la confraternita hanno lavorato con grande passione, nell’attento rispetto delle normative anti-Covid, per realizzare magnifici quadri con la polvere di marmo tinta.

Una tecnica particolare grazie alla quale, con l’utilizzo di stencil creati appositamente, si possono realizzare disegni dai colori brillanti e sfumati. A incorniciare i quadri le bellissime composizioni di fiori realizzate dai volontari e dalle volontarie che in ogni importante occasione religiosa si mettono a disposizione della comunità di fedeli.

Il sobrio tappeto bianco della chiesa parrocchiale rappresenta una croce formata da tre chiodi e incorniciata agli angoli del quadro da spighe di grano. Si tratta di un riferimento ai chiodi che hanno trafitto le mani e i piedi di Gesù appeso alla croce e al grano con il quale viene realizzato il pane per l’Eucarestia. Un memoriale della morte e resurrezione di Cristo.

Ad accompagnare il quadro un messaggio collocato di fronte all’opera: “Mentre infieriva la peste del 1576, san Carlo Borromeo, per invocare la fine della pestilenza, portò in processione uno dei chiodi custoditi nel Duomo di Milano.

San Carlo disse: “Un simile tesoro richiederebbe che in questa chiesa di giorno e di notte si predicasse senza alcuna interruzione di così grande mistero. Ma anche se tutti tacessero, è quello stesso preziosissimo chiodo a gridare: ricordatevi di un così immenso beneficio; considerate l’acerbissima passione di Cristo; fate memoria in voi delle atrocissime pene…

Non abbiate paura ogni volta che entrate in questa chiesa, ogni volta che alzante in alto il vostro sguardo: perché, se dovesse tacere Cristo, grida comunque quel preziosissimo chiodo, dicendo: Io sono stato la penna che con il sangue vi ho disegnato sulle palme delle mani del mio Signore… Siamo stati stampati nel suo costato!”

Articolo precedenteSanto Stefano al Mare: rinvenuto a largo di Aregai il cadavere di un sessantenne
Articolo successivoDiano Marina: seconda Pasqua in rosso, crisi economica e sanitaria. Chiappori “Danno enorme, vaccini? Puntiamo su un centro nel golfo”