Si è svolto venerdì scorso presso il Ristorante “Ulisse” di Sanremo un convivio nel corso del quale è stato assegnato il “Premio Adriano Morosetti 2019”, giunto alla 59° edizione, al canottiere Federico Garibaldi dell’Associazione Sportiva Canottieri Santo Stefano al Mare, premio che il Panathlon Club Imperia-Sanremo nel 2020 non ha potuto consegnare per le imposizioni governative dovute al COVID.

Al convivio sono intervenuti: Piero Fogliarini Vice Governatore dell’Area IV del Panathlon Italia, Carola Macca Presidente Regionale della Federazione Italiana Canotaggio, Giovanna Amedeo Presidente Regionale della Federazione Italiana Cronometristi, Fulvio Garibaldi Presidente dell’Associazione Canottieri Santo Stefano al Mare e Federico Garibaldi accompagnato dai suoi genitori.

Il Presidente del Panathlon Club Imperia-Sanremo Angelo Masin si congratula con Federico Garibaldi per il suo curriculum sportivo e per il suo palmares veramente eccezionale, unico:

  • n. 16 Ori e 3 Argenti ai Campionati Italiani Universitari
  • n.13 Ori, n. 12 Argenti e n. 7 Bronzi ai Campionati Italiani
  • n. 2 Argenti e n. 2 Bronzi ai Mondiali universitari
  • n. 3 titoli mondiali e n. 2 bronzi ai Mondiali di Coastal Rowing

Nel 2019, anno per cui viene premiato ha conquistato il:

  • Campionato del Mondo di Coastal Rowing Mt. 6.000 – 4 di Coppia – a Hong Kong
  • Campionato Italiano Tipo Olimpico Mt. 2.000 – Singolo
  • Campionato Italiano Coastal Rowing Mt. 6.000-8.000 – Doppio Beach Sprint

Federico, che ha iniziato a praticare canottaggio all’età di 10 anni, ha vinto i suoi due primi titoli mondiali, il primo in Svezia, nel 2013, ed il secondo in Grecia, nel 2014, in coppia col fratello Francesco. Nel 2017 sempre col fratello ha partecipato con la squadra di Genova alla Regata delle Antiche Repubbliche Marinare a Pisa portando il galeone genovese alla vittoria dopo 17 anni. In altre due edizioni, sempre col galeone Genovese, ha conquistato due secondi posti.

Federico Garibaldi con l’ausilio di un filmato ripercorre una parte dei suoi innumerevoli successi sportivi che gli hanno dato moltissime soddisfazioni, ma che sono stati conseguiti a seguito di grandissimi sacrifici e rinunce. Ricorda i due allenamenti giornalieri che sosteneva uno al mattino di buon’ora prima di andare a scuola (sveglia alle cinque) ed il secondo alla sera che, nei periodi invernali, terminava tardi.

Precisa che il Coastal Rowing è un tipo di canottaggio eseguito in mare con barche più larghe e robuste, con maggiore stabilità e dalla caratteristica di essere auto svuotanti.

A seguito di una domanda, spiega che sia la posizione in barca del carrello, che i remi, che la pala del remo (in base all’onda del mare) ecc. vanno verificate, regolate ed eseguite le giuste calibrature secondo le caratteristiche di ogni vogatore.

La Presidente Regionale della Federazione Italiana Canottaggio Carola Macca si complimenta con Federico per l’impegno i sacrifici e l’esempio che sta dando a molti giovani della sua età e per la sua determinazione nell’affrontare i sacrifici sportivi che però sono propedeutici per affrontare con forza e serenità la vita futura. Si compiace con i genitori di Federico per essere riusciti ad inculcargli i grandi valori della vita quelli sani, equilibrati, di fermezza e solidarietà. Continua: “Il Coastal Rowing ha mosso i primi passi in Italia nel 1996 grazie all’Associazione CIPS di Imperia. Sanremo ha ospitato nel 2008 dal 16 al 19 ottobre la seconda edizione dei Campionati del Mondo. Il profilo agonistico di questa disciplina è stato valorizzato in Italia dal sanremese Renato Alberti, mentre il profilo turistico è stato lanciato da Onorato Lanza.

Dal 2007, anno della prima storica edizione dei mondiali della disciplina Coastal Rowing che si tenne a Mandelieu, in Francia, ad oggi, i club remieri italiani ai Mondiali di canottaggio costiero hanno ottenuto in totale ben 41 medaglie di cui: 13 ori, 17 argenti e 11 bronzi, che fanno dell’Italia una delle nazioni più vincenti nella storia della specialità”.

Fulvio Garibaldi Presidente dell’Associazione Canottieri Santo Stefano al Mare dice che la Società fu fondata nel 1988 da Federico Ramella nonno di Federico con lo scopo di promuovere lo sport del canottaggio fra i giovani di S. Stefano al Mare e dei comuni limitrofi. I primi anni furono veramente pioneristici. La prima sede fu ricavata in una baracca in legno situata nel piccolo porticciolo di pescatori di Santo Stefano al Mare. Il primo anno di attività fu il 1989 con il tesseramento di 12 atleti. A poco a poco con grandi sacrifici l’attività è cresciuta; sono state acquistate imbarcazioni da regata ed il numero degli atleti è aumentato. Dal 1994 è stato istituito, dal Comitato Regionale Ligure di Canotaggio, il Trofeo Federico Ramella per ricordare la figura del fondatore. Negli anni seguenti è stato sviluppato anche il settore femminile che nel giro di pochi anni ha dato grosse soddisfazioni alla Società in quanto le atlete hanno conquistato prestigiosi risultati in campo nazionale ed internazionale. Dal 2006 l’attività sportiva è stata incentrata soprattutto sui giovani che in breve tempo hanno conquistato le vette delle classifiche giovanili regionali, italiane e mondiali.

Il Presidente Angelo Masin conclude dicendo che Federico Garibaldi e tutta la sua famiglia hanno vissuto a pane e canottaggio, una famiglia con una passione immensa per questo sport a cui la Federazione Canottaggio e lo sport tutto devono molto.

Conclude il Panathlon Club: “Federico Garibaldi, che nel 2019 si è laureato in Economia delle Aziende Marittime Logistica e Trasporti e attualmente segue un corso di laurea magistrale in Economia e Management Marittimo Portuale, non ha finito di stupirci perché è ancora molto determinato con la volontà di conseguire risultati ancora più prestigiosi; il suo obbiettivo sono le Olimpiadi di Parigi del 2024 dove molto probabilmente la disciplina del Coastal Rowing sarà introdotta tra le discipline olimpiche. Nel caso così non fosse la sua mente è rivolta verso le Olimpiadi del 2028 dove senz’altro sarà inserita”.

Articolo precedenteSanremo, il 23 ottobre a Villa Ormond l'”Agorà Democratica” del Pd provinciale
Articolo successivoCalcio, l’Imperia cede Aleksander Grazhdani al Sasso Marconi