video

“Quest’anno si può parlare di doppia sicurezza, una legata all’emergenza covid, l’altra allo stato delle strutture scolastiche”. Così il sindaco di Cervo, Lina Cha, commenta l’avvio dell’anno scolastico 2021/2022, segnato, ancora una volta, dalla pandemia, ma anche da importanti interventi di edilizia scolastica.

Due le strutture presenti sul territorio cervese: la scuola dell’Infanzia ‘Ester Siccardi’ e la Primaria ‘Antonio Ferrari’. “Scuole sicure è stato il primo obiettivo non appena insediati – prosegue il primo cittadino – infatti a novembre del 2019 abbiamo partecipato a un Bando del MIUR volto all’erogazione di contributi per indagini e verifiche dei solai e controsoffitti degli edifici scolastici pubblici che è stato finanziato con 10.000 euro, di cui 3.000 a carico del Comune. A maggio 2020 l’esito dei solai risultava positivo”.

I controlli sono andati avanti e lo scorso maggio l’ufficio tecnico comunale ha affidato l’incarico per la verifica statica di vulnerabilità sismica dei due edifici scolastici: “Le perizie giunte in piena estate hanno evidenziato uno stato di criticità per carenze strutturali su un’ala dell’edificio della scuola dell’Infanzia, carenze congenite alla costruzione che si colloca in aderenza allo storico Palazzo Morchio, sede della scuola e degli uffici comunali. Sussistendo in questa parte della scuola la cucina, la mensa e al piano terra la palestra, abbiamo subito valutato l’impossibilità di rendere agibile lo stabile e siamo riusciti ad aderire in volata al Contributo Fondi MIUR per affitti e noleggio strutture e interventi di messa in sicurezza, ottenendo, per quest’ultimo, un finanziamento di 200.000 euro che ci consentirà il rifacimento del tetto e il rinforzo strutturale della parete costruita senza pilastri portanti.  I lavori inizieranno entro fine anno. Tutto ciò ha comportato il trasferimento della cucina a San Bartolomeo al Mare e l’attivazione di una sola sezione di scuola dell’Infanzia per ragioni di spazi nel rispetto del protocollo covid”.

Nei progetti dell’amministrazione comunale cervese, anche la creazione di un nuovo polo scolastico: “A maggio 2021 abbiamo partecipato al Bando relativo alla legge 27 dicembre 2019, n.160 che prevede risorse destinate a progetti di costruzione, ristrutturazione, messa in sicurezza e riqualificazione di edifici scolastici. Siamo stati inseriti in graduatoria ma il progetto al momento non è stato finanziato. Ma non demordiamo. Riteniamo urgente provvedere alla realizzazione di un nuovo polo scolastico che includa i due ordini di scuola ottimizzando i servizi”.

Articolo precedenteCalcio, serie D: trasferta a Gozzano per l’Imperia. Ecco i convocati
Articolo successivoGreen pass per tutti i lavoratori dal 15 ottobre, il sindaco Scullino: “Vaccino garanzia per noi e per chi ci sta intorno”