“Resistere in questo periodo difficile – interviene Scibilia Sergio segretario provinciale di Confesercenti – è l’impresa più ardua. Il settore turistico poi in assoluto ha ricevuto la mazzata più grossa. Una pagina nera, senza foto, senza immagini. Chiusi, senza clienti, personale a casa, stagionali disoccupati. Per questo motivo salutiamo con entusiasmo alcuni eventi che anche nella città di Sanremo si sono potuti effettuare, quale il Festival della Musica e il rally automobilistico”.

Confesercenti ha sostenuto al tavolo del turismo di Sanremo l’opportunità di utilizzare parte dei fondi della tassa di soggiorno per aiutare questi eventi.

“Il nostro obiettivo – aggiunge Ino Bonello presidente provinciale – è quello di permettere alle nostre strutture ricettive di sopravvivere a questo momentaccio, per essere pronti alla ripresa.

Dobbiamo contare solo sui nostri sacrifici, in attesa che le promesse fatte a Roma diventino fatti.

Eventi come questo, anche se chiusi al pubblico, permettono alle nostre località di ricevere comunque un numero, se pur limitato, di turisti legati al settore e consente al territorio di avere una visibilità mediatica importante”.

“Ci complimentiamo – conclude Scibilia – con gli organizzatori di un evento storico che fa tornare in mente ricordi felici di anni brillanti di una città conosciuta, anche per questa manifestazione, in tutto il mondo. Un evento che permette di valorizzare il nostro entroterra e ci dà un po’ di fiducia”.

Articolo precedenteTour della consigliere regionale Veronica Russo al 68° Rally di Sanremo
Articolo successivoTaggia, vaccinazioni anti-covid: in molti all’hub della stazione ferroviaria per una dose