È stata presentata questa mattina a Sanremo la 50esima edizione del MOAC, la tradizionale mostra dell’artigianato che mette in scena l’eccellenza dell’artigianato nazionale e internazionale.

Dallo scorso anno la fiera è tornata nella sede del Palafiori, scelta che si è rivelata vincente, produttiva e che ha portato molti più visitatori all’evento.

Numerose sono le attività in programma per questa importante edizione. Oltre cento espositori che rappresenteranno diverse sfumature dell’artigianato nazionale e del mondo etnico.

A presentare le iniziative Carla Marivo, Presidente di FiereIn, azienda Milanese organizzatrice dell’evento che prosegue in collaborazione con l’Amministrazione comunale un percorso di rinnovamento e rafforzamento di MOAC sul piano della sua offerta alla città e ai turisti.

Tra le novità, oltre ad un calendario eventi, musica e intrattenimento sempre più serrato, anche un’ampia area pensata per i più piccoli, con giochi e tante iniziative dedicate.

MOAC diventa il cuore di Sanremo per nove giorni, anche grazie alla stretta collaborazione con le associazioni di categoria, Confartigianato di Imperia e CNA, presenti tra gli espositori e voce di uno dei settori principali dell’economia italiana.

Per l’occasione la Confartigianato ha organizzato un concorso legato ai video selfie, come veicolo moderno ed al passo con i tempi per promuoversi. Tutte le imprese potranno realizzare un video selfie durante il loro lavoro ed illustrare la loro attività. Tutti i video saranno trasmessi nello stand istituzionale presente in fiera e riceveranno una promozione sulla pagina Facebook della Confartigianato di Imperia.

Entusiasta Barbara Biale, Assessore alle Attività Produttive del Comune di Sanremo, che afferma: “È un evento ormai entrato nella tradizione di Sanremo. Tutti i sanremesi sono legati a questo evento che allieta anche i turisti, visto il periodo in cui si volge”.

La scorsa edizione ha visto la partecipazione di 70 mila persone, dato sicuramente positivo e determinato anche grazie al trasferimento della fiera nel centro della città. “È più fruibile da tutti adesso. Prima era una destinazione non essendo in centro città. Questo credo che abbia delle potenzialità di sviluppo in termini di visitatori”, sostiene Marco Sarlo, Assessore a Turismo e Manifestazioni.