Un 28enne straniero, di origine tunisina, è stato arrestato dalla Polizia di Frontiera di Ventimiglia, in quanto trovato in possesso di 3kg di stupefacente.

Il giovane, giunto con un treno da Cannes, al controllo del personale del Settore aveva mostrato un passaporto la cui foto sembrava appartenergli; malgrado la somiglianza, la Banca Dati ha dato un riscontro negativo.

La successiva perquisizione del bagaglio ha consentito di rinvenire, ben nascosti tra gli indumenti dentro il suo zaino, tre involucri contenenti ciascuno 10 tavolette di sostanza stupefacente tipo HASHISH per un totale di Kg. 3.200.

Non potendo più nascondere l’evidenza dei fatti, il tunisino in questione ha dichiarato le sue vere generalità fornendo, altresì, indicazioni sulla provenienza dello stupefacente (stazione di Nizza) e destinazione (Liguria e Lombardia).

Pertanto, al termine delle formalità, è stato tratto in arresto e condotto al carcere di Imperia; denunciato anche a piede libero per sostituzione di persona.

Stupefacente e documento sono stati sequestrati.

I risultati conseguiti sono il frutto di imponenti dispositivi di controllo ad ampio spettro,  messi in atto su tutte le direttrici stradali ed autostradali della nostra zona confinaria, ovvero barriera A/10, stazione ferroviaria, Ponte San Ludovico, Ponte San Luigi e Olivetta,  con l’impiego di un cospicuo numero di uomini e mezzi.

Articolo precedenteQuando cambiare funziona, il caso di piazza Siro Carli
Articolo successivoAlbanese a Riviera Time: “Rifiuti, Amaie Energia può diventare gestore unico provinciale”