[beevideoplayersingle videourl=”https://vimeo.com/215308834″] È il 1993 e una delegazione di Seborga, guidata dal principe Giorgio I, rivendica gli antichi confini del Principato. La mobilitazione parte dalla chiesa di San Michele Arcangelo.

Articolo precedenteSanto Stefano al Mare: terra di fiori, acqua e fede
Articolo successivoQuando la vita nelle vallate girava intorno alla lavanda