Imperia, dal 5 luglio al MACI di Villa Faravelli la mostra “Cose di Montale”

Il M.A.CI. Museo Arte Contemporanea Imperia prosegue gli eventi dell’estate 2019 – che a partire da fine giugno e fino a fine luglio alterneranno giornate dedicate alla musica, all’arte e alla cultura – con un importante omaggio alla figura e alla poetica di Eugenio Montale.

Venerdì 5 Luglio alle ore 18.00 inaugurerà infatti la mostra “COSE DI MONTALE” un’esposizione a cura di Monica Giovinazzi dedicata alla poesia dell’autore ligure.

Nelle sale di Villa Faravelli verrà infatti presentato un allestimento temporaneo, in cui i veri protagonisti saranno i manufatti-libri, che hanno esaurito la loro comunicazione, ma verranno qui ripristinati, nobilitati e stratificati, continuando a contenere il loro sapere precedente. Un percorso, di parole, riflessioni, immagini, colori, pagine per omaggiare il grande poeta ligure di Ossi di seppia.

Nelle parole stesse dell’artista e curatrice della mostra, Monica Giovinazzi:

“Mare. Sale. Alberi. Case. Colli . Muro. Proda.
L’essere umano ha a disposizione povere cose come gli Ossi di seppia, lasciati amarrare e consumati dal mare…
Protagonista dell’esposizione il libro. Anch’esso cosa, restituita a nuova vita.
Il libro che ha esaurito la sua comunicazione viene ripristinato, nobilitato e si stratifica continuando a contenere il sapere precedente.
I manufatti-libro realizzati per Montale sono volutamente segreti incrinati smagliati: l’intento non è la chiarezza ma accendere la curiosità, allertare l’attenzione per reintegrare la parola e mettere a fuoco il carattere poco leggibile.
Il libro è una veglia.
Un pozzo in cui i detriti accendono una possibile ricerca.
I colori usati: l’azzurro di scaglie di mare e il giallo luce. Pulviscolo madreperlaceo la maglia rotta e quindi elementi usati: rete, garze, carte di varia tessitura e grammatura”.

L’ingresso alla esposizione sarà libero, e i visitatori potranno gustare un aperitivo offerto dal Frantoio Ghiglione, storica azienda di Dolcedo attiva dal 1920 e impegnata nella produzione di prodotti d’eccellenza derivanti dall’oliva taggiasca.

Alle ore 19.00 il pubblico potrà invece assistere alla performance “Cose di Montale” realizzata da Monica Giovinazzi: una lettura drammatizzata delle poesie di Eugenio Montale e dei poeti che lo hanno ispirato, all’insegna di flussi di parole e maglie di pensieri, sulle tracce di Ossi di seppia, la più celebre raccolta di poesie dell’autore ligure, pubblicata nel 1925.

Per l’occasione i visitatori che lo desidereranno potranno anche visitare la Collezione permanente Architetto Lino Invernizzi, ospitata al piano nobile di Villa Faravelli, con un biglietto di ingresso promozionale a 5.00 euro.

Ma il weekend dedicato alla figura di Montale proseguirà anche sabato 6 e domenica 7, con due giornate di workshop aperte a studenti e non solo.

L’artista Monica Giovinazzi terrà infatti due giornate di laboratori nelle sale del Museo di Arte Contemporanea di Imperia, mirati a coinvolgere i partecipanti in un’esplorazione del linguaggio poetico, per renderlo “commestibile”, allenare alla lettura e alla pratica poetica attraverso una performance interattiva.

Gli iscritti al laboratorio potranno quindi ri-abituarsi a frequentare la poesia: “luogo ricco di suggestione e fascino, capace di suscitare sogni, fantasie, delicati sentimenti e conforto; dove incrociare desideri e domande così simili alle proprie, perché allenandosi a leggere tra le righe e negli spazi bianchi si scoprono architetture e ponti e vie inaspettate: richiami…” – nelle parole della Giovinazzi stessa.

I due workshop si terranno sabato 6 e domenica 7 luglio dalle 16.30 alle 19.30, le quote di iscrizione sono di euro 50,00 / 30,00 per studenti, sarà possibile iscriversi entro e non oltre il 5 Luglio inviando una mail a [email protected] (numero minimo 5 partecipanti).