Stampata nel 1480 a Venezia, la Bibbia custodita nel Museo di Villa Luca a Coldirodi è un preziosissimo esempio di incunabolo, i volumi stampati con la tecnica dei caratteri mobili introdotta dal tedesco Johannes Gutemberg nel 1455.

La Bibbia, che forse passo anche per le mani di Lorenzo de’ Medici, fa parte della collezione di Padre Stefano Rambaldi che, durante la prima metà del XIX secolo, collezionò innumerevoli incunaboli e dipinti.

Lucetta Vistarchi, responsabile del museo, ci racconta l’incredibile storia di questa Bibbia.