È il 1995 e Ventimiglia deve affrontare l’arrivo in massa di profughi curdi.

Immagini di oltre vent’anni fa che ricordano moltissimo la realtà attuale, con la città di confine costretta a fare i conti con il fenomeno migratorio.