È il 1993 e una delegazione di Seborga, guidata dal principe Giorgio I, rivendica gli antichi confini del Principato. La mobilitazione parte dalla chiesa di San Michele Arcangelo.